Booktrailer

Jair

Jair...
Jair entrava in pizzerie, ristoranti, trattorie, dovunque la gente mangiasse, a compiere quella che amava definire la sua missione.
Diceva agli amici che in questi locali c’erano coppie, gruppi, comitive ma potevi comunque scorgere qualcuno che stava al tavolo da solo.
Lui sapeva bene cosa volesse dire. Quante volte aveva cenato chiuso in camera, la sera tardi, con le cuffie dell’ipod incollate alle orecchie e un panino rubato alla mensa della scuola.
La musica, questo cambiava tutto. Entrava nelle orecchie e riscaldava come nessun fuoco al mondo avrebbe potuto.
Certe volte era una vecchia signora con un brodino, altre un distinto signore in affari con una bistecca al sangue, altre ancora un giovane studente lontano da casa con una calda pizza, ma tutte le volte era soprattutto per loro che cantava e suonava.